mercoledì 30 maggio 2012

Cavalcata Oswald von Wolkenstein

Castelrotto, Siusi e Fiè, in provincia di Bolzano, sono tre graziosi paesi ai piedi del massiccio dello Sciliar, uno dei picchi più spettacolari delle Dolomiti alto-atesine. Da venerdì 1 a domenica 3 giugno 2012 sono in festa per un evento che si ripete puntuale da trent'anni: la Cavalcata Oswald von Wolkenstein. Una vera e propria festa di popolo, nella quale confluiscono molti elementi diversi: la storia, l’arte, l’amore per i cavalli e la passione per le sfide. Tutto questo in un contesto naturale incantevole e maestoso. 
Oswald von Wolkenstein, da cui prende nome la manifestazione, era un menestrello nato in Val Pusteria nel 1377 circa.  La cavalcata a lui dedicata è un connubio tra tradizioni medievali e sport, con prove di destrezza eseguite con i cavalli avellignesi. I luoghi dove si svolge l’intero spettacolo hanno giocato un ruolo importante nella vita di Oswald e sono un teatro naturale spettacolare per una gara piena di fascino e di emozioni intense.
Venerdí 1 giugno 2012 a partire dalle ore 21, l’intero paese di Siusi allo Sciliar dà il via alla festa paesana con la spillatura del fusto di birra. Sabato 2 si prosegue a Fié allo Sciliar con la grande inaugurazione e la Festa Medievale, con la sfilata di carrozze, cavalieri e menestrelli che introduce alla giornata clou della domenica, in cui si svolgono le gare equestri e i tornei. Le squadre si cimentano in prove diverse e impegnative, come il  passaggio degli anelli, il galoppo con ostacoli, il labirinto e il passaggio fra porte. La Cavalcata parte a Castel Trotsburg presso Ponte Gardena, passa da Tagusa, giunge a Castelrotto al Kofel, dove si svolge il primo torneo. Si prosegue poi a Siusi e quindi al Laghetto di Fiè, che ospita altri due tornei, e si conclude con l’ultima e spettacolare gara a Castel Presule.
I valori in primo piano durante tutto il corso della gara sono il rispetto e la cavalleria, nello spirito di un modello di vita in cui la battaglia è anche una forma di cortesia. Il vero  obiettivo è naturalmente la conquista dello stendardo, che rimane in possesso del vincitore per un anno, fino all'edizione successiva della competizione. Le radici di questa suggestiva manifestazione affondano nel ritorno alle origini e alla tradizione custodita dal nome del bardo quattrocentesco che nacque e visse nelle terre dell’Alpe di Siusi e richiamano ogni anno migliaia di spettatori.
Per informazioni: www.ovwritt.com.