venerdì 28 aprile 2017

Il Fascino del Medioevo a Spoltore (PE)

L’idea guida della festa è rappresentare uno spaccato di vita del XIII secolo, in una giornata di festa, e quindi con mostre, banchetti, convegni, botteghe d’artigiani aperte al pubblico. I visitatori potranno assistere alla ricostruzione storica di antichi mestieri, tra quali lo scalpellino, il cesellatore, il tessitore, il cuoiaio, il cartaio, il cestaio, il ceraiolo, lo speziale, il boia, il cordaio. Si parte sabato 29 alle 10.00, quando sarà allestito nel centro storico un accampamento, completo di rastrelliere e armi, per riprodurre la vita militare dell’epoca. Al pubblico verranno mostrate alcune tecniche di spada, ricostruite in base a manuali del periodo compreso tra il XIII e il XIV secolo: non mancherà poi un campo di tiro con l’arco e la balestra, uno stage di tiro e scherma. Tra gli strumenti esposti, il trabucco, un progenitore della catapulta, che sarà utilizzato per alcuni lanci dimostrativi.
Nel pomeriggio di sabato la manifestazione entrerà nel vivo con gli spettacoli di danza antica in piazza Quirino Di Marzio (ore 17), il corteo storico di figuranti in costumi trecenteschi che partirà da piazza D’Albenzio (ore 18), dove si terranno anche gli spettacoli di combattimento (alle 19.00 e alle 21.30) con spade infuocate. Domenica si replica: apertura la mattina alle 10.00 dei banchetti e delle esposizioni, e chiusura alle 21.30 in Piazza Di Marzio dove un gruppo di armati, a difesa del borgo di Spoltore, affronteranno gli invasori.

giovedì 27 aprile 2017

"Il Medioevo al cinema" incontro a Foggia

Quinto incontro, giovedì 27 aprile 2017, per gli “Appuntamenti con la Storia”, organizzati dall’Amministrazione comunale di Foggia, in collaborazione con la Fondazione “Apulia Felix” e con l’Università degli Studi di Foggia – Dipartimento di Studi Umanistici – Cattedra di Storia Medievale. Alle ore 18,00 nella Sala Rosa del Palazzetto dell’Arte “Andrea Pazienza” di Foggia, si parlerà de “Il Medioevo al cinema”, un tema affascinante che sarà trattato dal prof. Eusebio Ciccotti, docente di Storia del cinema all’Università di Foggia, Raffaele Licinio, Professore ordinario di Storia medievale nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari, e il giornalista Loris Castriota Skanderbegh.
I protagonisti dell’incontro racconteranno come il Cinema ha rappresentato nei decenni – e ancora continua a rappresentare - il Medioevo: luoghi comuni, errori clamorosi, ma anche descrizioni rigorosamente documentate o, quantomeno, verosimili.
L’ingresso agli eventi è gratuito ed è consentito fino ad esaurimento dei posti.

mercoledì 26 aprile 2017

"Il giudice Albertano" presentazione a Chiari (BS)

Giovedì 27 aprile 2017 alle ore 20,45 presso l'Auditorium della Fondazione Biblioteca Morcelli in via Varisco 9 a Chiari (BS) per le manifestazioni del Bicentenario Morcelliano, Claudio Baroni, critico letterario del "Giornale di Brescia", incontra Enrico Giustacchini, autore de "Il giudice Albertano e il caso della scala senza fine", quarto romanzo della fortunata saga di gialli ambientati nel Medioevo bresciano. Partecipa alla serata la Schola Gregoriana Santa Cecilia diretta da Giuseppe Fusari. Letture di Andrea Deni Giustacchini. L'ingresso è libero.
“Guai a te, empio fra gli empi, che ti annidi nell’onesta Rutiliano!
La porta dell’Inferno si spalancherà per ricevere la tua anima”.
Un sogno inquietante e un inno profetico. Un falco ammaestrato dalla voce melodiosa.
Un predicatore che incanta le folle. Un libro con le immagini dell’Apocalisse e un altro scritto di pugno dall’imperatore.
Il giudice Albertano ha pochi dubbi: qualcosa di terribile sta per accadere.
Qualcosa che ha l’odore della morte.

sabato 22 aprile 2017

Festa della Primavera a Monteriggioni

Domenica 23 aprile 2017 al castello di Monteriggioni si terrà "Festa della Primavera a Monteriggioni-Un giorno qualunque lungo la via Francigena: tra pellegrini, armati, mercanti e musici". Orario 10-19.
Per maggiori informazioni e programma completo clicca qui !

martedì 18 aprile 2017

Alla Corte del Re, evento rinascimentale

Sabato 22 e domenica 23 aprile 2017 una due giorni nella splendida cornice del Real Bosco di Capodimonte, parco cittadino di Napoli ubicato nella zona antistante l'omonima reggia, la seconda edizione dell’evento “Alla Corte del Re” organizzato dalla Compagnia dell’Aquila Bianca, un’Associazione sportiva dilettantistica fondata nel 2008 con l’intento di operare nella ricostruzione storica nelle disciplina della scherma ed equitazione in essere tra il XIV ed il XVIII secolo.
La manifestazione, gratuita e aperta a tutti, ha visto l’anno scorso un’affluenza di pubblico di oltre cinquemila persone e, nell’edizione alla porte, metterà in scena la storia e la cultura medievale e rinascimentale attraverso diverse rievocazioni a cavallo, con indumenti, attrezzature e armi fedeli ai diversi periodi storici. Il week end presso il Parco di Capodimonte, area verde che nel 2016 ha visto oltre un milione di visitatori risultando l'ottavo sito museale italiano statale più visitato, sarà dedicata al ‘700 e all‘800 napoletano e vedrà parate e spettacoli con figuranti in costume, cavalieri e nobili che indosseranno abiti dell’epoca immergendosi e portando con sé il pubblico in una spaccato di vita Borbonico dal fascino tutto da vivere.
Galà equestri, teatro e danza storica saranno gli elementi salienti dell’evento “Alla Corte del Re” targato 2017. Nella giornata di sabato, alle ore 15.30, l’evento centrale sarà l’antica “Giostra Farnesiana” dove i cavalieri in armatura si scontreranno con lancia in resta per il Campionato Federale sotto l’egida Fitetrec Ante (Federazione Italiana Turismo Equestre e Trec Ante). Domenica pomeriggio, sempre alle 15.30, prenderanno il via invece i cosiddetti “Giochi d’arme a cavallo” – dalla Giostra della Quintana a quella dell’Anello – seguiti dallo spettacolare Galà equestre, dove sarà possibile vedere dal vivo le performance di alcuni cavalieri, rigorosamente in armatura, che sulle note musicali del tempo che fu daranno prova di figure di Arte equestre rinascimentale. Per ulteriori informazioni e contatti sull’evento “Alla Corte del Re” 2017 consultare il sito www.aquilabianca.org e il sito www.campania.fitetrec-ante.it.
Per la Compagnia dell'Aquila Bianca su Facebook clicca qui !

martedì 11 aprile 2017

Il mistero dei due giganti: i ‘Moralia in Iob’ della Biblioteca L. Leoni di Todi e la Bibbia atlantica di Todi

Mercoledì 12 aprile 2017, alle ore 16.30 nella Sala Affrescata del Museo Pinacoteca di Todi, quinto incontro del ciclo di conferenze “Museo Vivo”, dedicato quest’anno all’approfondimento di temi storici e artistici legati alla mostra “Mirabilia Tudertina”, visitabile fino al 30 giugno negli spazi espositivi del Museo Civico di Todi.
La prof.ssa Lila Yawn, docente di storia dell’arte medievale alla John Cabot University di Roma, terrà una conferenza sul tema “Il mistero dei due giganti: i ‘Moralia in Iob’ della Biblioteca L. Leoni di Todi e la Bibbia atlantica di Todi della Biblioteca Apostolica Vaticana (Vat. Lat. 10405)” con un approfondimento sulle decorazioni e le miniature dei rari volumi manoscritti esposti nella mostra.
Quattro secoli prima di Gutenberg, la zona per eccellenza della riproduzione del testo della Bibbia in latino e delle principali opere dei Padri della Chiesa fu l’Italia centrale. Fra il 1050 e la fine del XII secolo, amanuensi nelle aree delle attuali Umbria, Lazio, e Toscana vergarono centinaia di cosiddetti ‘codici atlantici’: manoscritti ecclesiastici enormi, che nella loro maestà grafica-fisica-materiale affermavano l’autorità della Chiesa universale nonché la devozione delle persone che avevano sovvenzionato la loro creazione, tra cui non solo vescovi e futuri imperatori ma anche vedove, monaci, mercanti, e pescatori.
La città di Todi ha custodito per secoli due dei codici atlantici superstiti più importanti: la “Bibbia atlantica di Todi”, un codice illustrato ora nella Biblioteca Apostolica Vaticana (Vat. Lat. 10405), e il magnifico manoscritto dei “Moralia in Iob” di San Gregorio Magno della Biblioteca Comunale Lorenzo Leonj (Ms. 1-2).
Dopo un’introduzione generale al fenomeno delle Bibbie atlantiche dei secoli XI-XII, la prof.ssa Yawn presenterà i risultati della sua ricerca, eseguita fra il 2013 e il 2015, sui due codici di Todi, con particolare attenzione al modo in cui i loro scribi organizzarono il lavoro, faticoso e complicato, di copiare a mano dei testi lunghissimi e alla sorprendente risposta alla questione: sono fratelli i due codici, prodotti dagli stessi amanuensi?
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !

lunedì 10 aprile 2017

Savona Libero Comune

Sotto la torre del Brandale, lunedì 10 aprile 2017, Savona festeggia la sua nascita come città libera, avvenuta nel lontano 1191. Il 10 aprile di quell’anno, il Marchese del Carretto vendette le terre di Savona al Podestà, rendendo a tutti gli effetti la comunità di Savona un Comune indipendente e con una sua organizzazione amministrativa.
Per celebrare la ricorrenza, l’associazione A Campanassa e il Comune di Savona hanno organizzato un corteo in maschera per le vie storiche e un concerto a tema. Si partirà alle ore 16,00 con il raduno dei figuranti in piazza del Brandale, alle 16,30 sfilata per le vie medievali del centro storico al suono dei rintocchi della Campanassa, ritorno in piazza e lettura dell’editto originale di cessione dei terreni. I canti e la musica sono affidati al gruppo di musici Pro Musica Antiqua.
Durante le celebrazioni inoltre sarà possibile visitare parte del complesso della Campanassa. Un’occasione rara di osservare gli antichi manufatti conservati all’interno del antico palazzo cittadino. La nascita di Savona come libero Comune coincide con il periodo storico medievale denominato appunto età comunale che ebbe la sua massima affermazione proprio nell’Italia settentrionale e poi in buona parte dell’Europa occidentale.
Molte città, in quel periodo, grazie all’incremento demografico rifiorirono grazie al commercio e alla classe media, non aristocratica, degli artigiani, dei notai, dei medici e dei mercanti. Sorsero quindi spontanee, non senza difficoltà, le sperimentazione di nuove forme di governo comunque sempre soggette al controllo di re o imperatori e influenzate dalle grandi famiglie dell’epoca come Ottone Del Carretto da cui Savona riscattò i territori cittadini e i diritti feudali per 1500 lire.

venerdì 31 marzo 2017

Fiera delle arti e mestieri a Verona

Domenica 2 aprile 2017 in Piazza delle Erbe a Verona l'associazione culturale “Compagnia del Sipario Medievale”, in occasione del 20° anniversario della sua fondazione e del quinto anno dalla scomparsa del presidente e fondatore Luigi Bertaso, organizza la rievocazione di un'antica fiera medievale delle arti e dei mestieri, con la collaborazione degli Assessorati al Tempo libero e alle Attività economiche del Comune.
Nel corso dell’iniziativa si potranno conoscere le antiche attività come la battitura del ferro, la filatura della seta, la produzione della pergamena, l'arte del telaio, la realizzazione di vasi in terracotta, il lavoro del fabbricante di candele, l'arte dell'affresco, la scultura della pietra e del legno. Si potranno inoltre ammirare le attività dei falconieri che spiegheranno, nel corso della giornata, le modalità di allevamento dei rapaci in cattività. La manifestazione porterà in piazza circa 50 bancarelle aperte dalle 10,00 alle 19,00.

sabato 25 marzo 2017

Chronicae. Festival Internazionale del Romanzo Storico

Al via dal 6 al 9 aprile 2017 la terza edizione di “CHRONICAE - Festival Internazionale del Romanzo Storico”, il primo festival italiano di caratura internazionale dedicato al genere più amato dai lettori italiani organizzato da Sugarpulp in collaborazione con il Comune di Piove di Sacco Assessorato alla Cultura e al Turismo e con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, della Regione Veneto e della Provincia di Padova. Un festival che quest’anno vanta un “cast” di ospiti sempre più internazionale con gli autori britannici Simon Scarrow e Alex Connor, e con il giornalista statunitense Alan Friedman. Senza dimenticare Matteo Strukul, direttore artistico del festival, che con la sua trilogia dedicata ai Medici è stato il protagonista di uno dei casi letterari internazionali più eclatanti degli ultimi anni. Tra gli appuntamenti da segnalare di questa terza edizione c’è poi l’Accampamento Militare Medievale a cura della Compagnia della Torlonga che animerà il centro storico di Piove di Sacco sabato 8 aprile, così come il percorso pedonale tematico di domenica pomeriggio attraverso la città di Piove a cura del CTG e del Gruppo Archeologico Mino Meduaco in collaborazione con l’associazione Rain Runners di Piove di Sacco. Ma anche la cena medievale di giovedì 6 aprile (Auditorium Papa Giovanni Paolo II), che di fatto aprirà il festival, e poi i laboratori tematici per bambini (domenica 9 aprile, 15.30, Biblioteca Diego Valeri) e l’inaugurazione della mostra a storico-archeologica “La Guerra dei Confini: 1372-1373. Gli scontri tra padovani e veneziani nel Pievado di Sacco” a cura del Gruppo Archeologico Mino Meduaco, che presenterà i risultati della sua lunga ricerca in una conferenza sabato 8 aprile (15.30, Auditorium Papa Giovanni Paolo II). La mostra verrà inaugurata sabato 8 aprile alle 17.30 e sarà visitabile fino al 17 aprile (da lunedì a venerdì il pomeriggio dalle 16.00 alle 19.00, sabato e festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00, escluso il pomeriggio di Pasqua).

venerdì 24 marzo 2017

Contrafforti angelichiani: avvicinarsi a un grandissimo dai lati

Venerdì 31 marzo 2017, alle ore 17.00, avrà luogo, nella Biblioteca di San Marco a Firenze, la conferenza di Andrea De Marchi, Professore ordinario di Storia dell’Arte Medievale presso l’Università di Firenze – Dipartimento SAGAS, sul tema "Contrafforti angelichiani: avvicinarsi a un grandissimo dai lati". La conferenza prenderà in esame le raffigurazioni di Santi dipinti dall’Angelico nei contrafforti delle sue pale d’altare.
Punto di partenza sarà un’analisi approfondita delle figure di Santi presenti nei contrafforti del Trittico della Deposizione, commissionato da Palla Strozzi per la cappella – sagrestia di Santa Trinita e finito prima del 1431.
E’ questa, infatti, l’unica pala dell’Angelico che ancora conservi integra la struttura di questa parte essenziale, vale a dire dei due contrafforti laterali. La sua struttura, predisposta per Lorenzo Monaco, che lasciò incompiuta l’opera, era esemplata probabilmente su quella del Polittico dipinto da Gherardo Starnina per l’altare maggiore della Certosa del Galluzzo, su commissione del Cardinale Niccolò Acciaioli.
Nel corso della conferenza verranno in seguito presi in considerazione i molteplici problemi posti dalla ricostruzione della posizione occupata dai “santini” provenienti dai contrafforti smembrati del Polittico per l’altare maggiore di San Domenico a Fiesole, di quello di San Domenico a Perugia e della Pala per l’altare maggiore di San Marco.

lunedì 13 marzo 2017

Il mito delle origini. La cronachistica veneziana e la mitologia politica della città lagunare nel Medio Evo

La Biblioteca Nazionale Marciana, in collaborazione con l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, martedì 14 marzo 2017, alle ore 17, nella Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) organizza la presentazione del libro di Şerban Marin, Il mito delle origini. La cronachistica veneziana e la mitologia politica della città lagunare nel Medio Evo (Aracne Editrice). Saluti di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana e Rudolf Dinu, direttore dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia. Interventi di: Dorit Raines, Università di Ca’ Foscari; Susy Marcon, Biblioteca Nazionale Marciana; Marino Zorzi, già direttore della Biblioteca Nazionale Marciana. Sarà presente l’autore.
Nella costruzione della mitologia politica propria di ogni comunità, il mito delle origini non può mancare. La comunità veneziana non è un’eccezione; essa forgia il proprio mito fondatore, assai complesso, sulla base di più componenti che si intrecciano: il mito troiano come elemen­to fondatore di Venetia prima, il mito della cristianizzazione con l’arrivo di San Marco, la leggenda di Attila come elemento che determina lo sta­bilirsi della popolazione nello spazio lagunare, il mito propriamente detto della fondazione della nuova Venezia, nel 421. Secondo la maggior parte delle cronache locali, una volta verificatesi queste condizioni, in misura maggiore o minore, la storia di Venezia può iniziare… Il numero immenso di cronache veneziane fa sì che il presente volume non sia esaustivo. Esso costituisce la tappa iniziale di una ricerca che sta continuando.
Şerban V. Marin è medievista romeno, specializzato nella sto­ria di Venezia (ante–1261), storia delle crociate, relazioni ve­neto–bizantine, il mito troiano nel medioevo occidentale ecc. Tra 1999 e 2000 e nel 2012 ha goduto di due borse di studio presso L’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica che gli hanno permes­so di effettuare delle ricerche sulle cronache veneziane presso la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia. Un’altra borsa di ricer­ca, POSDRU (2010–2012), ha reso possibile l’approfondimento dei suoi studi sulla cronachistica veneziana. Nel 2009 ha ottenuto il titolo di dottore summacumlaudein storia medievale presso l’Università di Bucarest. Tra 2008 e 2012 ha editato la cronaca di Giovanni Giacomo Caroldo (5 vo­lumi). Ha pubblicato oltre 50 articoli e studi in periodici scientifi­ci prestigiosi e in volumi collettivi e ha presentato numerose ricer­che incentrate sulla cronachistica veneziana a convegni e confe­renze internazionali.

sabato 11 marzo 2017

La Città dei Papi

Domenica 12 marzo 2017 l'Ufficio Turistico di Viterbo organizza la consueta visita guidata domenicale. Il tema di questo appuntamento è "La Città dei Papi" e consiste in un tour alla scoperta della Viterbo medievale.
Partenza alle ore 11.00 dall'Ufficio Turistico in Piazza Martiri d'Ungheria - Costo € 8,00 - Minimo 10 partecipanti - Gratuito per bambini da 0 a 7 anni. Prenotazione obbligatoria entro le ore 19.00 di sabato 11 marzo.
Info: 0761.226427 - info@visit.viterbo.it.; www.promotuscia.it.
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !