domenica 9 novembre 2014

“Genova nel medioevo: governo, società, porto e spazio urbano (secc. XII-XIII)”

Martedì 11 novembre 2014, alle ore 17,00, nell’Aula San Salvatore in Piazza di Sarzano a Genova l’associazione di diffusione e tutela della cultura e lingua ligure “A Compagna”, presieduta dal Professor Franco Bampi, nell’ambito delle conferenze “I Martedì de A Compagna”, che l’antico sodalizio cura da oltre quarant’anni, promuove il VII° appuntamento del ciclo 2014-2015. Relatore Angelo Terenzoni sul tema: “Genova nel medioevo: governo, società, porto e spazio urbano (secc. XII-XIII)”. Ingresso libero.
Come ogni anno, Angelo Terenzoni propone al pubblico l’illustrazione di un segmento della storia di Genova. Questa volta si concentra sui secoli XII e XIII iniziando con la Compagna, struttura commerciale, temporanea e consensuale che, trasformandosi in una entità stabile, dà origine al Comune dei Consoli, seguito dal Comune del Podestà, elemento forestiero, esperto del diritto, il quale assurge a simbolo dell’autorità comunale e perno dell’insieme politico ed amministrativo.
Alla metà del secolo XIII, viene alla ribalta il Comune dei Capitani del Popolo, esponenti del ceto nobiliare, che si impongono su di una società cittadina nella quale stanno sempre più prendendo forza i “mercatores” e gli artigiani, premessa questa a quelle che saranno le lotte delle fazioni nei secoli XIV e XV.
Anche lo spazio urbano genovese diviene man mano un “paesaggio compiuto” che porterà allo sviluppo della “Ripa Maris”, preludio ad una area portuale destinata a crescere e a trasformarsi. La trasformazione interesserà anche le cinte murarie il cui perimetro rinserrerà un insieme urbano molto più vispo e molto più articolato. (in foto un’immagine ottocentesca dell’allora Piazza San Giorgio (oggi Caricamento) e Via Carlo Alberto (poi Via Gramsci)).
La conferenza si tiene nell’Aula San Salvatore della Scuola Politecnica dell’Università di Genova in Sarzano. Si tratta della chiesa sconsacrata che è sulla piazza ed è raggiungibile, oltre che con la metropolitana, da Piazza Carignano percorrendo il ponte di Carignano (Via Ravasco) oppure lungo la direttrice piazza Dante, Porta Soprana, Via Ravecca, Sarzano.