giovedì 7 gennaio 2016

Nuove ricostruzioni all'Archeodromo di Poggio Imperiale (SI)

L’Archeodromo di Poggio Imperiale si arricchisce di nuove ricostruzioni che fanno crescere il villaggio altomedievale che sta ri-nascendo presso l’area archeologica di Poggibonsi (Siena).
Sono terminati i lavori del ‘secondo lotto’ che saranno presentati sabato 16 gennaio 2016 con anteprima venerdì 15 e che interessano il primo museo open air italiano sull’Alto Medioevo, innovativo progetto della Fondazione Musei Senesi realizzato in collaborazione con il Comune, l’Università di Siena e finanziato grazie ad Arcus Spa. Questo stesso gruppo è alla base delle nuove ricostruzioni che hanno visto impegnati gli archeologi di Archeotipo srl e Arkè Archeologia Sperimentale. Alle strutture si unisce un’altra novità: la piantumazione di olivi e piante da frutto all’interno di un progetto con la Provincia di Siena (il suo vivaio è banca del genoma) e l’associazione culturale poggibonsese La Ginestra. L’Archeodromo è la ricostruzione in scala reale e in progress del villaggio di IX-X secolo scavato all’interno della Fortezza dagli archeologi dell’Ateneo senese. Nell’ottobre 2014 è stata aperta al pubblico una prima porzione del villaggio: secondo criteri strettamente filologici, è stata realizzata la grande abitazione padronale e i suoi annessi, una capanna tipo longhouse di circa 140 metri quadri affiancata da un largo orto, una forgia e un’articolata area artigianale.
In un anno di attività l’Archeodromo ha conquistato importanti riconoscimenti e ha attratto circa 25mila visitatori fra appassionati, studenti, cittadini, turisti. L’apertura. Le novità del ‘secondo lotto’ saranno presentate con eventi che caratterizzano l’attività di questo museo open air che ha la propria cifra nell’esperenzialità degli archeologi e del pubblico attraverso narrazioni, musica, archeologia sperimentale in diretta, ricostruzioni.
Venerdì 15 gennaio 2016 alle 15,00 si svolgerà un’anteprima della presentazione, alla presenza di Alessandro Ricceri, Presidente di Fondazione Musei Senesi, David Bussagli, Sindaco del Comune di Poggibonsi, Ettore Pietrabissa, Direttore Generale di ARCUS Spa, Fabrizio Nepi, Presidente della Provincia di Siena.
Sabato 16 gennaio 2016 prenderà il via la giornata inaugurale con, a partire dalle 10.30, attività di reenactment, living history e archeologia sperimentale. Alle 15,00 taglio del nastro. L’Archeodromo nella due giorni sarà animato dai suoi consueti abitanti, rinforzati da due dei gruppi di ricostruzione altomedievale più importanti in Italia. Si tratta di “La Fara”, artigiani di altissima qualità e narratori di Cividale del Friuli che collaborano stabilmente con il Museo Nazionale di Cividale; dei Winileod (“canti amici o canti popolari”) gruppo marchigiano che sperimenta la musica altomedievale con ricostruzioni di strumenti dell’epoca. Narrazioni, musica, archeologia sperimentale in diretta, dimostrazioni di armi e combattimento e tanto altro creeranno un’atmosfera indimenticabile nel nuovo Archeodromo.